Cure per l'Ansia e gli Attacchi di Panico a confronto


Esistono attualmente due categorie di trattamenti o cure per ridurre/eliminare l'ansia patologica e gli Attacchi di Panico: cure farmacologiche e cure non farmacologiche.

Da un’approfondita analisi della letteratura scientifica prodotta negli ultimi decenni è emerso che tutti i trattamenti scientificamente validati oggi disponibili, farmacologici e non, hanno pari efficacia e differiscono tra loro principalmente per i loro effetti collaterali e gli effetti a lungo termine.

Questo è stato ampiamente dimostrato ad esempio per il Disturbo di Panico (= Attacchi di Panico ricorrenti) con e senza Agorafobia (Pompoli et al. 2016 – Cochrane Library), per il Disturbo d'Ansia Sociale (Mayo-Wilson et al. 2014) e per il Disturbo d'Ansia Generalizzata (Cuijpers et al. 2014)

I trattamenti più efficaci oggi disponibili per il trattamento dei Disturbi d'Ansia sono:

  • Psicofarmaci (SSRI, SRNI, Triciclici, Benzodiazepine, Beta-Bloccanti)
  • Biofeedback (psicofisiologico, non farmacologico)
  • Interventi Psicologici (psicoeducazione, tecniche di rilassamento, tecniche di concentrazione, psicoterapia)

L’abbinamento di questi trattamenti produce risultati migliori rispetto al loro singolo utilizzo (monoterapia).

In sintesi, dalla ricerca scientifica è emerso che:

  • Tutti i trattamenti farmacologici e non-farmacologici considerati singolarmente (monoterapie) hanno pari efficacia.
  • I trattamenti multicomponenziali hanno un’efficacia significativamente superiore rispetto alle monoterapie.
  • I trattamenti non farmacologici non presentano effetti collaterali, quelli farmacologici molti, anche gravi.
  • Gli effetti di tutti i trattamenti farmacologici cessano poco dopo la sospensione della loro assunzione.
  • Gli effetti di alcuni trattamenti non-farmacologici come il biofeedback e gli interventi psicologici durano nel lungo termine.

Tabella Comparativa sulle Cure per tutti i Disturbi d'Ansia


La tabella sottostante riporta una sintesi comparativa sull'efficacia di diversi trattamenti per tutti i Disturbi d'Ansia, sia farmacologici che non farmacologici.

Tutti i dati riportati nella tabella e in questa pagina sono basati su studi scientifici e clinici.

Per consultare i riferimenti scientifici clicca qui.

Trattamento

Disturbi d’Ansia Trattabili

Efficacia

a Breve Termine

Efficacia

a Lungo Termine

Durata Media Trattamento

Effetti Collaterali

Multicomponenziale

Biofeedback + altri trattamenti non farmacologici1

Tutti

Alta

Alta

10 sedute

Nessuno

non farmacologico

Multicomponenziale

Psicoterapie2Psicofarmaci

Tutti

Alta

Alta

Variabile

Molti, anche gravi (farmaci)

Interventi Psicologici (psicoeducazione, psicoterapia2, ecc.)

Tutti

Media

Medio-Alta

Variabile

Nessuno

non farmacologico

Biofeedback

(da solo)

Tutti

Media

Medio-Alta

10 sedute

Nessuno

non farmacologico

Meditazione

Tutti

Media

Moderata

10 sedute

 Nessuno

non farmacologico

Tecniche di Rilassamento

Tutti

Media

Moderata

10 sedute

Nessuno

non farmacologico

SSRI (Inibitori della Ricaptazione della Serotonina)

Tutti

Media

Fino a che si assume il farmaco

Indefinito

a cicli

Molti, anche gravi

SNRI (Inibitori della Ricaptazione della Serotonina e Noradrenalina)

Tutti

Media

Fino a che si assume il farmaco

Indefinito

a cicli

Molti, anche gravi

Antidepressivi Triciclici

Tutti tranne Ansia Sociale

Media

Fino a che si assume il farmaco

Indefinito

a cicli

Molti, anche gravi

Benzodiazepine

Tutti tranne PTSD

Media

Fino a che si assume il farmaco

Pochi mesi o al bisogno

Dipendenza e Tolleranza

iMAO

Tutti tranne GAD

bassa

bassa

Indefinito

Molti, anche gravi

Pregabalin

Ansia Generalizzata (GAD)

Media

Fino a che si assume il farmaco

Indefinito

Molti, anche gravi

Questiapina (antipsicotico)

Ansia Generalizzata (GAD)

Media

Fino a che si assume il farmaco

Indefinito

Molti, anche gravi

Mirtazapina

(NaSSA)

PTSD

Media

Fino a che si assume il farmaco

Indefinito

Molti, anche gravi

Azapironi

(Buspirone)

Ansia Generalizzata (GAD)

Media

Fino a che si assume il farmaco

Indefinito

Molti, anche gravi

Gabapentin

(antiepilettico)

Ansia Sociale

Media

Fino a che si assume il farmaco

Indefinito

Molti, anche gravi

Antipsicotici atipici (Risperidone, Olanzapina)

PTSD

Media

Fino a che si assume il farmaco

Indefinito

Molti, anche gravi

Melissa

stati ansiosi

Media

Fino a che si assume la sostanza

Indefinito

Dipendenza e tolleranza; effetto paradosso a dosaggi medio alti

Valeriana

stati ansiosi

Bassa o nulla

Bassa o nulla

-

Non gravi

Agopuntura

stati ansiosi

Media

non dimostrata

Indefinito

Nessuno

non farmacologico

 EMDR

PTSD 

 Media

non dimostrata

Indefinito

 Nessuno

non farmacologico

Omeopatia

 GAD Bassa o nulla   non dimostrata Indefinito  Nessuno 

PTSD = Disturbo Post-Traumatico da Stress --> Nel DSM-V non è più considerato un Disturbo d'Ansia ma un Disturbo Correlato a Eventi Traumatici e Stressanti

iMAO = Inibitori delle Monoaminossidasi; GAD = Disturbo d’Ansia Generalizzata; NaSSA = Antidepressivo noradrenergico e serotoninergico selettivo.

1 Il numero di 10 sedute si riferisce al metodo integrato di Biofeedback, un trattamento composto da: Biofeedback (multiprotocollo) + Colloqui Psicologici e Psicoeducativi + Igiene del Sonno + Tecniche di Rilassamento + Tecniche di Concentrazione (controllo del flusso di pensiero).

Tra le Psicoterapie efficaci la più studiata è quella Cognitivo-Comportamentale (CBT). 


Efficacia dei Trattamenti e Livelli di Elaborazione dell'Ansia


Nonostante gli Attacchi di Panico e tutti i Disturbi d'Ansia a livello psicologico abbiano cause differenti e siano legati a rappresentazioni mentali, situazioni, eventi e oggetti differenti, a livello neurofisiologico condividono gli stessi meccanismi o gran parte di essi; tutti i vissuti d'ansia cioè comportano l'attivazione di un rete neuronale che dal cervello alla periferia (e viceversa) coinvolge in buona parte gli stessi centri e vie nervose: questa rete condivisa coinvolge una serie di strutture sottocorticali definita "fear network" (rete neuronale della paura) ed altre strutture del sistema nervoso centrale e periferico (es. sistema nervoso simpatico).

Il vissuto d’ansia che si prova nel corso di un episodio ansioso o di uno stato ansioso prolungato/costante è una condizione psicofisiologica di eccessiva attivazione che coinvolge contemporaneamente diversi livelli del sistema nervoso centrale e periferico.

Bisogna infatti considerare il livello d'ansia come il risultato di un continuo gioco di forze che coinvolge diversi Livelli di Elaborazione:

  • Livello 1 di Elaborazione - Cortecce primarie, secondarie e terziarie (pensieri ansiogeni consci e inconsci, immagini, ricordi, immaginazione, percetti e strategie anti-ansia).
  • Livello 2 di Elaborazione - Talamo, ipotalamo, amigdala e altre strutture sottocorticali che costituiscono il fear network (= rete neuronale della paura).
  • Livello 3 di Elaborazione - Tronco encefalico e midollo spinale (sintomi autonomici come tachicardia, freddo-caldo, tremori, ecc.).

L'ansia dunque dipende sempre dall'attivazione di specifiche strutture neuronali: uno stimolo esterno, un ragionamento o anche l'immaginazione (ad esempio su cosa potrebbe accadere domani) può innescare l'attivazione di rappresentazioni mentali (pensieri) ansiogene che, in quanto tali, sono in grado di attivare il fear network e il Sistema Nervoso Simpatico ossia l'insieme di centri nervosi la cui attivazione produce i sintomi ansiosi somatici e cognitivi, ossia il vissuto d'ansia.

Da un lato quindi quanto più l'elaborazione corticale (pensieri) indotta da stimoli esterni o interni (es. ragionamenti, immaginazione, ricordi, anticipazioni sul futuro, ecc.) produce rappresentazioni mentali ansiogene, tanto più tali rappresentazioni attiveranno il fear network (circuito neuronale dell'ansia/paura), tanto più il Sistema Nervoso Simpatico sarà attivato e tanto più intensi saranno i sintomi somatici e cognitivi dell'ansia.

Dall'altro, quanto più efficaci le strategie anti-ansia coinvolgono tutti e tre i Livelli di Elaborazione su citati, tanto più il livello d'attivazione delle rappresentazioni mentali ansiogene, del fear network e del Sistema Nerovoso Simpatico risulterà ridotto e quindi l'ansia ridotta o eliminata.

Come spiegato nei prossimi paragrafi il livello di efficacia di un trattamento dipende dal grado in cui riesce a coinvolgere i tre Livelli di Elaborazione su descritti.


Quali sono i trattamenti più efficaci e perché?


Solitamente le monoterapie agiscono maggiormente su un livello di elaborazione e, in minor misura, sugli altri livelli oppure agiscono in modo troppo aspecifico senza produrre cambiamenti a lungo termine, come nel caso degli psicofarmaci; gli psicofarmaci infatti, sebbene alterino in modo più o meno specifico la quantità di specifici neurotrasmettitori a livello sinaptico, a livello generale di Sistema Nervoso agiscono temporaneamente e in modo aspecifico su tutte le strutture che mediano i tre i livelli di elaborazione su elencati con un effetto calmante dei sintomi per la durata dell'assunzione del farmaco o poco più.

Spesso però limitarsi a calmare i sintomi per qualche settimana o mese con gli psicofarmaci non basta a risolvere un problema complesso di ansia patologica alla radice: con i soli psicofarmaci vengono interessati temporaneamente alcuni meccanismi generali che mediano anche la risposta ansiosa ma non le cause che sono quasi sempre psicologiche e/o comportamentali (escludendo gli effetti di sostanze e le condizioni mediche generali).

Gli psicofarmaci non hanno insegnato al paziente a sciogliere i nodi psicologici, relazionali, situazionali e comportamentali che causano lo stato d'ansia: ricordiamoci sempre che, come la paura, anche l'ansia è di fatto un segnale d'allarme che ci avverte che c'è qualcosa che non va nella nostra situazione o esistenza e che le sue manifestazioni patologiche sono dovute alla mancata elaborazione delle problematiche alla sua origine; l'individuo non ha imparato a gestire e ad intervenire attivamente sulle cause dell'ansia a livello corticale (pensieri/ragionamenti/convinzioni) e ai livelli sottocorticali (emozioni e funzioni autonomiche), ciò che invece fanno egregiamente gli interventi psicologici e il biofeedback, specie se associati.

Da una parte tutti gli interventi psicologici si pongono come obiettivo principale quello di aiutare il paziente ad individuare le cause dell'ansia e a trovare delle strategie psicologiche e comportamentali atte a risolvere il problema all'origine e in modo permanente.

Dall'altra il biofeedback agisce dando al paziente il controllo della risposta ansiosa (e degli attacchi di panico) a diversi livelli:

  1. Livello dei Sintomi Somatici - L'individuo, nel corso del training di biofeedback, impara a controllare i sintomi somatici e cognitivi dell'ansia sia nei momenti di crisi (attacchi di panico, paucisintomatici o d'ansia), sia riducendo nel breve, medio e lungo termine i livelli di attivazione psicofisiologica basali che causano l'ansia, riducendo quest'ultima ed eliminandola in modo duraturo. 
  2. Livello dei Sintomi Cognitivi - Lo stato di calma/rilassamento somatico indotto dall'applicazione delle tecniche apprese col biofeedback si ripercuote in modo determinante anche sul piano cognitivo, inducendo uno stato di calma mentale che libera le energie mentali necessarie ad affrontare nel migliore dei modi le cause dell'ansia. Inoltre, grazie alle abilità di controllo apprese, l'individuo acquisisce un solido senso di autoefficacia, ossia la consapevolezza di essere in grado di controllare quell'indesiderato e temuto stato ansioso (o attacchi di panico) che prima di fatto non era capace di controllare autonomamente senza il ricorso ad ausili esterni (farmaci). Ciò porta all'eliminazione di sintomi come l'agorafobia (quando presente), l'insonnia, la paura di potersi sentire male in qualsiasi momento e situazione senza poter essere soccorsi da chi si ritiene in grado di farlo.

Il Biofeedback sfrutta alcuni meccanismi psicobiologici già presenti nel nostro organismo la cui attivazione ripetuta e costante costituisce un vero e proprio allenamento (training) in grado di ridurre ed eliminare l'ansia nel breve, medio e lungo termine.

Riducendo/eliminando l'ansia l'individuo non solo capisce che essa non è un nemico imbattibile ma si ritrova anche con un "surplus" di energia psicofisica (prima assorbita dall'ansia e dalle sue conseguenze) che può utilizzare per affrontare più rapidamente ed efficacemente le vere cause dell'ansia. 


APPROCCI MULTICOMPONENZIALI

PER IL TRATTAMENTO DELL'ANSIA E DEGLI ATTACCHI DI PANICO


Diversi studi hanno dimostrato che i trattamenti multicomponenziali, ossia che prevedono l’uso di diversi protocolli tutti singolarmente scientificamente validati, sono più efficaci della monoterapia.

Ad esempio esistono protocolli multicomponenziali che prevedono l’uso congiunto di psicoterapia e farmaci (Furukawa et al. 2007) e di protocolli non-farmacologici che prevedono l’utilizzo di interventi psicologici brevi e biofeedback (Wyner 2015; Ratanasiripong et al. 2012; Knox et al. 2011); ad esempio Ratanasiripong et al. hanno ottenuto ottimi risultati utilizzando counseling psicologico e biofeedback e Knox et al. psicoeducazione e biofeedback.

Come vedremo il vissuto d’ansia che si prova nel corso di un episodio ansioso, di una crisi di panico o di uno stato ansioso costante è una condizione psicofisiologica di eccessiva attivazione che coinvolge contemporaneamente diversi livelli del sistema nervoso centrale e periferico. 

Nella tabella sottostante è illustrato lo schema di funzionamento di un protocollo multicomponenziale non-farmacologico che fa uso del biofeedback e di interventi psicologici basati sul colloquio: gli interventi psicologici agiscono direttamente sulle cause psicologiche (pensieri ansiogeni e loro cause) e, contemporaneamente, il biofeedback agisce sia riducendo/eliminando i sintomi somatici e cognitivi dell'ansia, sia potenziando il senso di autoefficacia dell'individuo, rendendolo capace di controllare autonomamente i propri livelli d'ansia basali e all'inizio/durante le crisi d'ansia o di panico:


Approccio Multicomponenziale

Trattamento Integrato di Biofeedback 


Questo protocollo multicomponenziale è composto da diversi tipi d'intervento tutti singolarmente dimostratisi efficaci nel trattamento dell'ansia:

1 - Protocolli di Biofeedback definiti in base alla specifica composizione dei sintomi presentati dal paziente durante gli Attacchi di Panico (che varia da individuo a individuo). Gli effetti di queste tecniche nel trattamento dei disturbi d’Ansia sono paragonabili a quelle degli Psicofarmaci (Bandelow et al. 2007a; Pompoli et al. 2016). ma non presentano gli effetti collaterali di questi ultimi e, al contrario degli psicofarmaci che espongono l’individuo ad una dipendenza psicologica accompagnata dall’idea di non potercela fare senza farmaco, consentono all’individuo di sviluppare nel breve-medio-lungo termine il senso di autoefficacia, ossia la consapevolezza di essere in grado di impedire l’insorgere di un Attacco di Panico o d'ansia autonomamente, in qualsiasi momento e situazione senza il ricorso ad ausili esterni.

Le tecniche apprese infatti appartengono all’individuo per sempre, mantengono inalterata nel tempo la sua capacità di gestire le situazioni di crisi che potrebbero innescare un attacco di panico e, nel medio/lungo termine, promuovono un progressivo abbassamento dei livelli basali d'ansia e quindi un progressivo e permanente allontanamento dalla soglia d’innesco degli Attacchi di Panico o d'ansia.

2 - Brevi Colloqui Psicologici e Psicoeducativi effettuati durante le stesse sedute di biofeedback e finalizzati a:

  • comprendere i meccanismi psicofisiologici, neurofisiologici e psicologici dell'ansia
  • individuare i principali fattori scatenanti o facilitanti l’insorgere degli Attacchi di Panico
  • individuare le strategie più efficaci per gestire i fattori d’innesco e quelli che alimentano gli Attacchi di Panico (anche con la gestione dello stress)

3 – Tecniche di concentrazione mentale biofeedback guidate per il controllo del flusso dei pensieri – Uno dei problemi più importanti in tutti i disturbi d’ansia è il controllo, oltre che dei sintomi somatici dell’ansia, anche del flusso dei pensieri; spesso l’individuo durante un attacco di panico o durante uno stato ansioso particolarmente disagevole produce involontariamente una successione rapida di pensieri ansiogeni o negativi che alimentano lo stato ansioso e che possono alimentare potentemente l’escalation da uno stato ansioso anche lieve ad un attacco di panico o ad un’ansia ancor più intensa.

Tramite specifiche tecniche di concentrazione e mediante l’utilizzo congiunto di un segnale di feedback che informa l’individuo in tempo reale sul suo reale stato di attivazione psicofisiologica che precede e accompagna l’insorgere dell’emozione “ansia” in relazione ai pensieri che fa, l’individuo impara a controllare/contenere il flusso di pensieri ripristinando rapidamente lo stato di veglia-rilassata e bloccando all’origine l’insorgere di un attacco d’ansia o di panico.

4 – Igiene del Sonno – Laddove l'ansia o gli Attacchi di Panico siano legati a stati d’attivazione psicofisiologica che non consentono all’individuo di avere un sonno ristoratore, che non sia cioè disturbato, superficiale, insufficiente, irregolare o frammentato, è necessario ripristinare le condizioni di sonno ideali. Una mente stanca è una mente più vulnerabile che più facilmente perde il controllo in situazioni di stress o ansiogene.

5 – Tecniche di rilassamento – Velocizzano la comparsa degli effetti dell’intero trattamento. Alcune tecniche di rilassamento (quelle scientificamente validate) sono efficaci nell’aiutare l’individuo a velocizzare gli effetti di rilassamento psicofisiologico raggiunti con le tecniche di biofeedback. Il loro uso non è obbligatorio ed è sconsigliato alle persone che non possiedono la “forma mentis” per questo genere di attività:  chi percepisce queste tecniche come “forzature” o come qualcosa da fare in fretta, è bene che non le svolga perché si corre il rischio che costituiscano paradossalmente momenti di stress e non di relax. La loro non applicazione non influenza l’esito finale del trattamento.

Questo protocollo multicomponenziale è finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  • Controllo dei sintomi somatici e congitivi dell'ansia - Tramite l'apprendimento di specifiche tecniche l'individuo acquisisce l'abilità di controllare ed eliminare sul nascere i sintomi fisici dell'ansia e degli attacchi di panico (tachicardia, respiro corto, sudorazione, vertigini, ecc.) in qualsiasi momento e situazione inducendo in tal modo anche uno stato di calma mentale.
  • Acquisizione del senso di autoefficacia - ossia della consapevolezza di essere capace di controllare e bloccare i sintomi dell'ansia sul nascere, in qualsiasi momento e in qualsiasi situazione (grazie alle abilità apprese).
  • Comprensione dei meccanismi psicofisiologici e neurofisiologici dell'ansia - Capire cosa avviene nel cervello e nel corpo durante uno stato ansioso è un passo indispensabile per capire poi come agiscono le strategie anti-ansia adottate, sempre sul piano psicofisiologico e neurofisiologico.
  • Individuazione delle cause situazionali, psicologiche e/o comportamentali dell'ansia - Attraverso colloqui brevi che si svolgono nel corso delle sedute di biofeedback si individuano le cause situazionali, psicologiche o comportamentali che causa e/o alimentano lo stato ansioso.
  • Definizione delle strategie psicologiche e comportamentali - Non basta individuare le cause per risolvere il problema che ne deriva; bisogna poi definire delle strategie idonee e applicabili per poterle fronteggiare con efficacia; in questa fase psicologo e paziente lavorano insieme per trovare soluzioni efficaci.
  • Qualità del sonno - un buon sonno ristoratore è di fondamentale importanza non solo per  raggiungere e mantenere  un buon livello di efficienza mentale ma anche per fronteggiare l'ansia e lo stress in modo ottimale; una mente stanca perché costantemente deprivata di sonno è una mente più vulnerabile allo stress e all'ansia.
  • Controllo del flusso di pensiero - Uno dei problemi più frequenti in tutti i disturbi d’ansia è l'incapacità o impossibilità di controllare/frenare o dirigere il flusso dei pensieri; spesso l’individuo in stato ansioso produce involontariamente una successione rapida di pensieri ansiogeni o negativi che alimentano lo stato ansioso in un circolo vizioso e che possono alimentare potentemente l’escalation da uno stato ansioso lieve ad un attacco di panico o ad un’ansia ancor più intensa. Tramite specifiche tecniche concentrazione e mediante l’utilizzo congiunto di un segnale di feedback che informa l’individuo in tempo reale sul suo reale stato di attivazione psicofisiologica che precede e accompagna l’insorgere dell’emozione “ansia” in relazione ai pensieri che fa, l’individuo impara a controllare/contenere il flusso di pensieri ripristinando rapidamente lo stato di calma e concentrazione e bloccando all’origine l’insorgere di un attacco d’ansia o di panico.

Si tratta di un protocollo non-farmacologico che può essere abbinato anche ai farmaci, con l’obiettivo di eliminarli progressivamente. 

Da uno studio di Penzo e Scalini (in pubblicazione) è emerso che l’applicazione di un protocollo intensivo multicomponenziale flessibile (10 sedute) basato su specifici protocolli di Biofeedback stabiliti flessibilmente sulla base dello specifico mix sintomatologico riferito dal paziente, sul Counseling Psicologico Breve personalizzato, sulla Psicoeducazione, sull’Igiene del Sonno, sulle Tecniche di Concentrazione/Autocontrollo Mentale e sulle Tecniche di Rilassamento guidate si ottengono risultati eccellenti, con la remissione totale degli Attacchi di Panico o degli attacchi d’ansia nel breve-medio-lungo termine, l’eliminazione dell’Agorafobia o dello stato d’ansia continuo e l’eliminazione dei farmaci nel 90% dei pazienti trattati, una percentuale ben al di sopra dell’uso delle monoterapie (farmaci, interventi psicologici o biofeedback da soli).

Questo risultato è dovuto al fatto che da una parte le tecniche di biofeedback apprese consentono un’efficace e rapido controllo di tutte le componenti fisiologiche autonomiche la cui iperattivazione, durante l’Attacco di Panico o nel corso dello stato ansioso, produce la sintomatologia somatica (tachicardia, sudorazione, caldo-freddo, dispnea, ecc.), dall’altra i colloqui psicologici brevi aiutano l’individuo a gestire in modo efficace le situazioni interne ed esterne che possono innescare gli Attacchi di Panico o lo stato d’ansia nella vita reale, con un effetto significativo anche sul proprio senso di autoefficacia e quindi sulla componente cognitiva dell’Attacco di Panico e dello stato d’ansia.

Inoltre, a differenza di altri protocolli sperimentali che hanno dimostrato un’efficacia del biofeedback pari a quella dei farmaci (50% circa), il protocollo qui citato fa un uso flessibile e personalizzato di vari strumenti: il successo del trattamento è dunque fortemente dipendente dal grado di personalizzazione dell’intervento e dall’abilità dello psicologo di isolare le variabili (psicofisiologiche, relazionali, situazionali) che causano e alimentano lo stato ansioso; quanto meno si tiene conto delle differenze inter-individuali, tanto più la percentuale di successo dell’intervento si appiattirà su quella degli psicofarmaci, stimata attorno al 50%.

L’uso di questo protocollo inoltre ha il vantaggio di essere non-farmacologico, breve, privo di effetti collaterali, di essere efficace in tutti i disturbi o condizioni ansiose (va ad agire sui meccanismi psicofisiologici condivisi da tutte le condizioni ansiose), di ottenere effetti nel breve, medio e lungo termine e di essere fortemente efficace sia nella gestione delle crisi d’ansia (es. attacchi di panico) sia nella normalizzazione a lungo termine dei livelli basali di ansia (ansia generalizzata, agorafobia, ecc.).


Approccio Multicomponenziale – Psicoterapia + Psicofarmaci


Numerosi studi hanno dimostrato l’efficacia dell’associazione tra psicoterapia e psicofarmaci; anche in questo caso possiamo ipotizzare che tale efficacia sia dovuta al fatto che da una parte il farmaco, nell’arco di poche settimane, è in grado di controllare la sintomatologia dell'ansia, dall’altra i colloqui tra psicologo e paziente, a prescindere dalla metodologia usata, aiutano il paziente a sviluppare strategie psicologiche o comportamentali in grado di intervenire, più o meno direttamente, sulle causa dell’ansia

L’unica limitazione di questo trattamento multicomponenziale risiede negli effetti collaterali dei farmaci, spesso mal tollerati e causa di abbandono del trattamento in circa un terzo dei pazienti.

Inoltre, il controllo dei sintomi dell’ansia tramite il ricorso ad ausili esterni (farmaci) non consente all’individuo di sviluppare quel solido senso di autoefficacia necessario a rendere permanenti i risultati raggiunti: riteniamo infatti che la consapevolezza di essere in grado di controllare l’ansia al suo insorgere in modo autonomo, in qualsiasi momento e situazione, è fondamentale proprio per combattere definitivamente quel senso di insicurezza (e ansia anticipatoria, evitamento) legato alla convinzione di non esser capaci, da soli (senza farmaci), di “tener testa” allo stato ansioso anche nelle circostanze ritenute più a “rischio”. E’ proprio per tale senso di insicurezza che molte persone girano sempre con un ansiolitico nella borsa, “per sicurezza”, ciò che denota il mancato o parziale raggiungimento dell’obiettivo.

 


Riferimenti Scientifici


 

American Journal of Psychiatry. Effectiveness of a meditation-based stress reduction program in the treatment of anxiety disorders 1992 149:7, 936-943.

Andreatini R, Sartori VA, Seabra MLV, Leite JR. Effect of valepotriates (valerian extract) in Generalised Anxiety Disorder: a randomised placebo-controlled pilot study. Phytotherapy Research 2002;16:650-4.

Australian and New Zealand Clinical Practice Guidelines for the Treatment of Panic Disorder and Agoraphobia. Vol 37, Issue 6, pp. 641 – 656. First published date: June-26-2016.

Bakker A, van Balkom AJLM, Spinhoven P. SSRIs vs. TCAs in the treatment of panic disorder: a meta-analysis. Acta Psy‑ chiatr Scand 2002;106:163-7.

Bandelow B, Seidler-Brandler U, Becker A, Wedekind D, Ruther E. 2007a. Meta-analysis of randomized controlled comparisonsof psychopharmacological and psychological treatments for anxiety disorders. World J Biol Psychiatry 8: 175.

Bisson JI, Roberts NP, Andrew M, Cooper R, Lewis C. Psychological therapies for chronic post-traumatic stress disorder (PTSD) in adults. Cochrane Database of Systematic Reviews 2013, Issue 12. Art. No.: CD003388. DOI: 10.1002/14651858.CD003388.pub4

Bighelli I, Trespidi C, Castellazzi M, Cipriani A, Furukawa TA, Girlanda F, Guaiana G, Koesters M, Barbui C. Antidepressants and benzodiazepines for panic disorder in adults. Cochrane Database of Systematic Reviews 2016, Issue 9. Art. No.: CD011567.

Demirci K, Akgönül M, Demirdaş A, Akpınar A. Does Melissa Officinalis Cause Withdrawal or Dependence? Medical Archives. 2015;69(1):60-61. doi:10.5455/medarh.2015.69.60-61.

Eppley, K. R., Abrams, A. I. and Shear, J. (1989), Differential effects of relaxation techniques on trait anxiety: A meta-analysis. J. Clin. Psychol., 45: 957–974. doi:10.1002/1097-4679(198911)45:6<957::AID-JCLP2270450622>3.0.CO;2-Q

Freire RC, Hallak JE, Crippa JA, et al. New treatment options for panic disorder: clinical trials from 2000 to 2010. Expert Opin Pharmacother 2011;12:1419-28.

Liebowitz MR, Asnis G, Mangano R, et al. A doubleblind, placebo-controlled, parallel-group, flexibledose study of venlafaxine extended release capsules in adult outpatients with panic disorder. J Clin Psychiatry 2009;70:550-61

Mayo-Wilson, Evan et al. Psychological and pharmacological interventions for social anxiety disorder in adults: a systematic review and network meta-analysis. The Lancet Psychiatry , Volume 1 , Issue 5, 368 - 376

McHugh RK, Smits JAJ, Otto MW. Empirically supported treatments for panic disorder. Psychiatr Clin North Am 2009;32:593-610.

Nardi AE, Perna G. Clonazepam in the treatment of psychiatric disorders: an update. Int Clin Psychopharmacol 2006;21:131-42

Nardi AE, Valença AM, Freire RC, et al. Psychopharmacotherapy of panic disorder: 8-week randomized trial with clonazepam and paroxetine. Braz J Med Biol Res 2011;44:366-73.

Perna G, Bertani A, Caldirola D, et al. Antipanic drug modulation of 35% CO2 hyperreactivity and short-term treatment outcome. J Clin Psychopharmacol 2002;22:300-8.

Pilkington, G. Kirkwood, H. Rampes, P. Fisher, J. Richardson, Homeopathy for anxiety and anxiety disorders: A systematic review of the research, Homeopathy, Volume 95, Issue 3, July 2006, Pages 151-162, ISSN 1475-4916, https://doi.org/10.1016/j.homp.2006.05.005.

Pilkington K, Kirkwood G, Rampes H, et al. Acupuncture for anxiety and anxiety disorders – a systematic literature review. Acupuncture in Medicine 2007;25:1-10.

Pompoli A, Furukawa TA, Imai H, Tajika A, Efthimiou O, Salanti G. Psychological therapies for panic disorder with or without agoraphobia in adults: a network meta-analysis. Cochrane Database of Systematic Reviews 2016, Issue 4. Art. No.: CD011004. DOI: 10.1002/14651858.CD011004

Ratanasiripong, P., Sverduk, K., Prince, J., Hayashino, D. (2012). Biofeedback and counseling for stress and anxiety among college students. Journal of College Student Development, 37(5), 742-749.

Raskin M, Bali LR, Peeke HV. Muscle Biofeedback and Transcendental MeditationA Controlled Evaluation of Efficacy in the Treatment of Chronic Anxiety. Arch Gen Psychiatry. 1980;37(1):93-97. doi:10.1001/archpsyc.1980.01780140095011.

Toneatto T., Linda Nguyen, Does Mindfulness Meditation Improve Anxiety and Mood Symptoms? A Review of the Controlled Research The Canadian Journal of Psychiatry Vol 52, Issue 4, pp. 260 - 266 First published date: June-23-2016.

Wilkinson G, Bslestrieri M, Ruggeri M, Bellantuono C. Meta-analysis of double-blind placebo con-trolled trials of antidepressants and benzodiazepines for patients with panic disorders. Psychol Med 1991;21: 991–998.

Wyner D. R. (2015) Pilot Study of a University Counseling Center Stress Management Program Employing Mindfulness and Compassion-Based Relaxation Training with Biofeedback. Biofeedback: Fall 2015, Vol. 43, No. 3, pp. 121-128.